arte

La nostra storia

L’appartamento a Monticchiello Casa Bonari è nato alla fine degli anni ’70, partendo dall’acquisto di un largo terreno incolto. Non c’era nulla dove adesso sorge la struttura, solo un panorama mozzafiato a contorno di tanti sogni. I nostri nonni Gino ed Elsa ed i nostri genitori Albo e Vanna iniziarono a costruire la casa con una manciata di buone intenzioni ed aspettative. Tanto lavoro e tanto impegno hanno portato alla nascita di ciò che vedete adesso. Babbo e nonno hanno creato da soli il bel giardino, l’oliveto, che tuttora viene curato con grande passione. VISITA GLI ESTERNI

 

Purtroppo i nonni non ci sono più e per questo noi nipoti, con l’appoggio della nostra zia Albina, abbiamo deciso di tenere in vita il loro appartamento a Monticchiello, conservando molti degli oggetti che appartenevano loro. Della nonna Elsa è la cucina, intatta, dove lei esprimeva il proprio talento. Tra l’altro, proprio in quegli anni, i nonni erano anche gestori di una trattoria, la “Taverna di Moranda”, tuttora esistente nel centro storico di Monticchiello, che negli anni aveva conquistato una grande notorietà grazie al talento di Elsa, bravissima cuoca, che proponeva i piatti tipici della nostra terra. Piatti semplici, interamente lavorati a mano, dall’antipasto al dolce, veniva fatto tutto in casa, da una squadra di donne in cucina, e di uomini al servizio. Noi bambine siamo cresciute in mezzo ai fornelli su cui bolliva il sugo, il coniglio alla cacciatora, la minestra di pane; aiutavamo ad apparecchiare, stiravamo le tovaglie, tenevamo, con grande soddisfazione, il frullatore per l’impasto dei dolci. 

 

Di quegli anni sono rimasti tanti ricordi e molti oggetti che conserviamo proprio a Casa Bonari. VISITA GLI INTERNI Le tende del salotto sono state fatte a mano dalla nonna Elsa, il mobile su cui adesso sono poggiati i libri d’arte era utilizzato nel ristorante per conservare i sott’olii, gli armadi ed i cassettoni che Albo ha restaurato, provengono dal podere in cui i nonni vivevano prima di venire ad abitare in paese. Ci auguriamo che si senta ancora il respiro contadino che la nostra famiglia serba nel petto, le sue origini tratte dalla terra, quando i nostri nonni erano ancora protagonisti in una cultura mezzadrile, come quella monticchiellese fino agli anni ’50. 

 

E arriviamo a noi, Valentina e Rossella che vorremmo mantenere viva l’anima di questa casa pur rinnovandola con le nostre passioni per i libri, la musica, l’arte. LEGGI IL NOSTRO BLOG #VISSIDARTE

Io Valentina, sono una storica dell’arte, i miei studi incentrati soprattutto sul periodo medievale hanno trovato ispirazione proprio in questo territorio, in cui operarono gli artisti più importanti dello stile tardogotico. Le colline lavorate dall’uomo, i filari di cipressi, l’ordine giocoso in cui i calanchi si susseguono, sono lo specchio delle splendide visioni di Ambrogio Lorenzetti, di Simone Martini, di Duccio di Boninsegna, i tre capisaldi dell’arte toscana. I campanili medievali che ancora rimboccano le ore da un paese all’altro, echeggiano gli antichi splendori della cultura senese del ‘300. Qui affondano le radici della mia passione per i dipinti, le architetture civili, le chiese romaniche. I miei libri d’arte sono a vostra disposizione, girare una pagina ogni tanto, scoprire un’immagine mai vista prima, sono per me piaceri irrinunciabili che volentieri condividerò con chi lo vorrà.

Io Rossella, sono diplomata in flauto traverso, ed insegno musica, la mia grande passione a pari merito con la letteratura e la poesia. Sono una lettrice infaticabile e mi piace scrivere. Per questo ho deciso di creare una sorta di BIBLIOTECA VIRTUALE, ma non troppo, a cui potrete attingere se avrete voglia di un libro in prestito, ma anche perchè ne ho talmente tanti che non so più dove metterli…

Commenti disabilitati su La nostra storia